III DOMENICA DI QUARESIMA – 03 Marzo 2024

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 2,13-25 Le grandi pulizie di un luogo disabitato esigono la messa in conto di un tempo congruo di lavoro ed un notevole dispendiò di energie. Quando il luogo da pulire è abitato da lungo tempo è necessaria, inoltre, grande determinazione ed una buona dose di coraggio. L’impresa si presenta più ardua, infatti, quando si è lasciata andare la casa all’incuria e si sa già in anticipo che molte sono le incrostazioni, tenute nascoste con cura, per salvare una parvenza di igiene. Tuttavia non si può indugiare ed occorre far piazza pulita. Gesù sale a Gerusalemme Continua a leggere →

DIO PARLA NEL CREATO

La Parola di Dio ci giunge attraverso la Bibbia (Antico e Nuovo Testamento), ma essa non cerca di dimostrare che Dio esiste; considera scontata questa verità. L’intera creazione mostra l’intervento di Dio, Creatore che ha portato all’esistenza ogni cosa. La bellissima espressione “in principio” indica l’inizio dell’attività di Dio nell’universo, e nello stesso tempo mostra che Dio non ha avuto alcun inizio. La luce è separata dalle tenebre, l’acqua dalla terra, le creature le une dalle altre ci sono creature che vivono nel mare e altre sulla terraferma. Dio ha fatto un mondo “bello” e ha fatto l’umanità a sua Continua a leggere →

DIO TRINITÀ

I credenti spesso sentono il mistero trinitario come una questione da affidare ai teologi, e non come una presenza da contemplare. È una cosa buona trasformare la conoscenza della Trinità in canto, in lode, in speranza, in fiducia per scoprire Dio Padre e Figlio e Spirito nel creato, nella società, nella nostra vita. Una suora francese Elisabetta della Trinità (1880-1906) beatificata da Giovanni Paolo II nel 1984 nei suoi scritti che rispecchiano la sua esperienza mistica della Trinità così prega: “O miei Tre, mio tutto, beatitudine mia, solitudine infinita, io mi abbandono a Voi in attesa di venire a contemplare Continua a leggere →

SAN MARTINO DE PORRES (1579-1639)

Figlio di un nobile e di una schiava, venne chiamato Martino, entrò nel convento domenicano come oblato e si dedicò alla cura degli ammalati. Amava ripetere con il sorriso: “Io ti curo, Dio ti guarisce”. Quello che più lo faceva soffrire è l’abbandono degli orfani, costretti a vagare per le strade, dediti all’accattonaggio, privi di qualsiasi educazione e senza speranza di riscatto. Per questa gioventù fondò il primo collegio del Nuovo Mondo garantendo così il necessario mantenimento collaborato da assistenti ed educatori. Sia il Viceré, che il governatore è il Vescovo di quella città e un numero considerevole di persone Continua a leggere →

PENSIERI

Durante la tua esistenza non sciupare inutilmente le tue energie e il tuo tempo, sono di Dio… -Renditi umile… semplice… e Cristo tornerà ad accenderti con il fuoco del suo Amore. Non disprezzare le piccole cose… Sii forte. Sii virile. Sii uomo Non volgere le spalle alle persone; senti dentro di te l’ansia di renderle felici. Coltiva l’intimità con lo Spirito Santo, il grande Sconosciuto. perché è Lui che ci deve sostenere nel cammino di Santità… perché noi siamo tempio di Dio!

II DOMENICA DI QUARESIMA – 25 Febbraio 2024

Dal Vangelo secondo Marco Mc 9,2-10 Gesù porta con sé alcuni apostoli su un alto monte, in un posto appartato e si manifesta a loro nella sua divinità. Il Signore Gesù, Dio fatto uomo, ci invita ad “alzare lo sguardo” a “guardare in alto”, a prepararci ad un incontro diretto con lui, a scoprire il Mistero divino che governa il mondo e di cui ogni uomo è partecipe. L’invito non viene fatto a tutti i discepoli, ma solo ad alcuni, forse quelli, in quel momento, più pronti per vivere quell’esperienza. L’incontro a cui siamo chiamati non è generale, ma personale, Continua a leggere →

LA VITA INTERIORE

Coltiva l’intimità con lo Spirito Santo, il grande Sconosciuto, perché è Lui che opera la tua santificazione. Non dimenticare che sei tempio di Dio, in forza del Battesimo che hai ricevuto e con il quale sei entrato nella famiglia dei battezzati. Lo Spirito Santo è il centro della tua anima: ascoltato e segui docilmente le sue ispirazioni. Bisogna convincersi che Dio è sempre vicino a noi. Tante volte viviamo come se il Signore fosse lassù, lontano, dove brillano le stelle, e non pensiamo che è sempre vicino a noi. Ed è con noi come un Padre amorevole, ama ognuno di Continua a leggere →

IL SINODO

Partecipazione è un termine chiave del Sinodo 2021-2024, fin dal titolo: Per una chiesa sinodale. Comunione, partecipazione, missione. Nel processo sinodale, la partecipazione non è solo oggetto di studio e riflessione, ma anche una pratica. Per quanto legate al contesto da cui provengono, le comunità cristiane con le loro peculiarità consentono di illuminare alcuni aspetti della partecipazione che possono rivelarsi feconde. “Una Chiesa sinodale si fonda sul riconoscimento della dignità comune derivante dal Battesimo, che rende coloro che lo ricevono figli e figlie di Dio, membri della sua famiglia, e quindi fratelli e sorelle in Cristo, abitati dall’unico Spirito ed Continua a leggere →

SANT’ELISABETTA DI UNGHERIA (1207-1231)

Contemporanea di Francesco e Chiara d’Assisi, di Antonio da Padova, nonostante fosse una regina, si innamorò dell’ideale francescano. Per affrontare la piaga di una spaventosa carestia sulle terre del suo regno, Elisabetta fece costruire, vicino al suo castello, un ospedale dove dovevano trovare posto tutte quelle persone che non erano in grado di sostenersi. Vi si riversarono malati, affamati, mendicanti, per far fronte a questo la regina vendette oggetti di valore e vesti preziose. Alla morte del marito abbandonò il castello e andò a vivere nel nuovo ospedale servendo personalmente gli ammalati. Quando Elisabetta morì “tutta logorata dalla compassione” aveva Continua a leggere →

PREGHIERA

O Padre, che hai voluto salvare l’umanità con il sacrificio del tuo Figlio, concedi a noi che abbiamo conosciuto in terra il suo mistero di amore, di essere testimoni, in parole ed opere, nella vita quotidiana con tutte quelle persone che tu ci fai incontrare.