LA REGINA DI SABA

Re Salomone creò il regno unito di Israele, e per la sua esperienza politica ed intellettuale divenne un personaggio emblematico. La sua fama varcò i confini nazionali e una donna definita la regina di Saba gli fece visita a Gerusalemme, con il suo corteo lasciando a bocca aperta gli abitanti della città santa (1 Re 10). Saba, in ebraico Sheba, era uno stato da collocare probabilmente nella parte sud-occidentale della penisola arabica, corrispondente in pratica all’attuale Yemen. I sabei erano un popolo dedito al commercio di spezie, oro e pietre preziose. L’incontro tra Re Salomone e la regina di Saba Continua a leggere →

XXVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – 26 Settembre 2021

Dal Vangelo secondo Marco Mc 9,38-43.45.47-48 La prima parte del brano ci pone di fronte alla ristrettezza delle nostre piccole vedute. Ciascuno di noi, in fondo, desidera essere colui che dispensa “patenti” di autenticità. Tu sei dei nostri, Tu no. Ma Gesù ci spiazza e vuole che noi impariamo la sua macrotimia, cioè l’avere un cuore grande, capace di accogliere e valorizzare, il contrario delle nostre invidie, dei calcoli, dei giudizi affrettati sulle persone. Basta guardare come siamo spesso duri ed intolleranti verso le piccole diversità delle persone che ci vivono accanto. Veramente abbiamo bisogno di aprire il cuore e Continua a leggere →

NOEMI E LA PIA RUT

Nella Sacra Scrittura più volte incontriamo vedove ed orfani; due categorie di persone che nella società orientale e in quella ebraica non avevano un “difensore giuridico” per loro. È Dio stesso presso gli Ebrei a difendere queste persone, ogni brutta azione nei loro confronti diventa un delitto anche religioso. Noemi un termine che nella lingua ebraica significa “la mia grazia, amabilità” la sua storia la troviamo nel libro di Rut. La sua vicenda inizia emigrando insieme a suo marito Elimèlec, e i suoi due figli maschi verso la terra della Giordania, nella regione di Moab. Ma la brutta sorte si Continua a leggere →

GLI ARCANGELI

La Sacra Scrittura e la tradizione della Chiesa ci parlano degli angeli, creature che stanno davanti a Dio. Tutti e tre i nomi degli Arcangeli terminano con la parola “El”, che significa “Dio”. Dio è scritto nei loro nomi, nella loro natura. Gli angeli sono messaggeri di Dio. Portano Dio agli uomini, aprono il cielo e così aprono la terra. Proprio perché sono presso Dio, possono essere anche molto vicini all’uomo e lo chiamano a relazionarsi sempre con l’Eterno. L’arcangelo Michele difende l’unicità di Dio contro la presunzione del drago, del “serpente antico” come dice San Giovanni Evangelista nei suoi Continua a leggere →

GLI ARCANGELI GABRIELE E RAFFAELE

Gabriele è il messaggero dell’incarnazione di Dio (S. Luca 1,26-38). Egli bussa alla porta di Maria, e per suo tramite, Dio stesso chiede a Maria il suo “si” per diventare la madre del Redentore: dare la sua carne umana al Verbo eterno di Dio, al Figlio di Dio. Ripetutamente il Signore bussa alle porte del cuore umano. (Apoc 3,20). Egli bussa per essere fatto entrare: quest’opera la continuerà sino alla fine dei tempi, servendosi di ciascuno di noi. Raffaele è l’angelo a cui è affidata la missione di guarire. Anche gli apostoli ricevono da Gesù questo compito. Annunciare il Vangelo, Continua a leggere →

XXV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – 19 Settembre 2021

Dal Vangelo secondo Marco Mc 9,30-37 La scena di Gesù nella casa di Cafarnao, circondato dai discepoli e dai bambini, ci rinvia ad una situazione familiare: dopo un viaggio in cui si sono vissute varie esperienze è inevitabile fermarsi e raccontare quanto si è visto e udito, ricordare gli incontri con le persone. Così anche chi è rimasto ad aspettare può allargare il suo sguardo su altri orizzonti e godere di ciò che noi abbiamo goduto. Il viaggio di Gesù attraverso la Galilea sta per concludersi; egli è consapevole che il tempo si sta per compiere e non perde occasione Continua a leggere →

SUSANNA

Una splendida donna ebrea chiamata, Susanna (nome di un fiore, da alcuni identificato con il giglio rosso, da altri con l’anemone o persino con il loto) è vittima di una losca vicenda. Il fatto ci viene descritto al capitolo 13 del libro di Daniele. La donna era felicimente sposata ad un ricco ebreo di nome Ioakim, il quale abitava in un palazzo circondato da un parco dove ospitava i suoi concittadini. Due anziani magistrati si erano appassionatamente invaghiti di Susanna, senza però manifestare questa cieca attrazione, fino al giorno in cui si misero a spiare quella donna nuda, mentre faceva Continua a leggere →

RACHELE

Rachele è una donna, moglie di un pastore, la cui storia d’amore inizia davanti ad un pozzo nel deserto, dove sono radunati alcuni pastori della zona per togliere la grossa pietra che protegge la bocca del pozzo e così dissetare se stessi e il gregge. Tra questi c’è uno straniero, chiamato Giacobbe, il nipote di Abramo, che sta fuggendo perché il fratello Esaù, a cui ha rubato i diritti della primogenitura. I suoi occhi si incrociano con quelli di Rachele ed è subito amore. Egli allora, rimuove la pietra del pozzo ed offre l’acqua a quella pastorella ed al suo Continua a leggere →

GIORNATA MIGRANTES

Si svolgerà domenica 26 settembre p.v. la giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato che ha come tema “Verso un noi sempre più grande”. I flussi migratori contemporanei costituiscono il più vasto movimento di persone, se non di popoli di tutti i tempi. In cammino con migranti e rifugiati, la Chiesa si impegna a comprendere le cause che sono alle origini delle migrazioni, ma anche a lavorare per superare gli effetti negativi sulle comunità di origine, di passaggio e di destinazione dei movimenti migratori. Grazie ai volontari, agli operatori ai benefattori, che danno solo qualcosa o del tempo, ma cercano Continua a leggere →

IL VALORE DELL’AMORE

La realtà fondamentale dell’Universo è che tutto è stato creato per amore. Tutti noi credenti dobbiamo riconoscere questo: al primo posto c’è l’amore, ciò che mai deve essere messo a rischio è l’amore, il pericolo più grande è non amare. Dio è nella sua essenza amore, anche noi dobbiamo diventare amore come lui. Papa Francesco