XIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – 03 Luglio 2022

Lc 10,1-9 Il compito missionario non è affidato a un gruppo , come poteva sembrare quando Gesù inviò i Dodici. Qui Gesù ne manda molti altri e si tratta di semplici discepoli. A loro affida un compito ben preciso: recarsi in ogni città o luogo dove Lui stava per arrivare. Lindicazione dice che il discepolo deve preparare ovunque l’incontro della gente con Gesù. Il discepolo è, quindi, un precursore di Cristo, uno che sullo stile del Battista «prepara la strada al Signore che viene», pronto a farsi da parte appena i destinatari della sua missione incontrano Gesù stesso. È Lui Continua a leggere →

I PECCATI CONTRO LA CREAZIONE – Prima Parte

L’enciclica di Papa Francesco introduce, in modo puntuale ed innovativo, il concetto relativo ai peccati contro la creazione, come conseguenza per avere distrutto la relazione armonica con Dio, con il prossimo e con la Terra. Fra i peccati contro il creato annovera quelli relativi ad alcuni comportamenti dell’uomo e agli squilibri dell’ecosistema che provocano la ribellione della natura. Il primo riguarda la cultura dello scarto. Si tratta dei rifiuti e della cultura usa e getta che “invoglia tutti a consumare più di quello di cui realmente abbiamo di bisogno”. Ma anche la cultura dell’esclusione dei popoli sfruttati o depauperati delle Continua a leggere →

I PECCATI CONTRO LA CREAZIONE – Seconda Parte

Oggi cresce sempre più l’indifferenza tra i singoli e tra i popoli. Il pensiero va a quelle popolazioni che in seguito a gravi catastrofi ambientali quali la siccità o le inondazioni sono costretti ad abbandonare il proprio paese dove mancano cibo, acqua e lavoro o altre condizioni di vita. Gli ambienti più esposti sono quelli dove molto spesso scoppiano i conflitti e dove la persecuzione razziale, culturale, politica, è più frequente. Oggi è in aumento il numero dei migranti i quali fuggono dalla miseria aggravata dal degrado ambientale e questi non vengono riconosciuti come rifugiati nelle convenzioni internazionali. Anche altri Continua a leggere →

L’EQUILIBRIO ECOLOGICO

Papa Francesco valorizza ed arricchisce un passaggio fondamentale: la necessità di leggere l’armonia, tra la grande varietà degli organismi viventi nelle loro molteplici relazioni. Il primo riguarda gli ecosistemi. Se ogni organismo è buono e mirabile per il fatto di essere creatura di Dio, lo stesso vale per gli insiemi armonici e funzionali di tali organismi in uno spazio determinato, definiti ecosistemi. Da essi dipendiamo per la nostra esistenza.  È necessario prendere coscienza che viviamo e agiamo in una realtà che ci è stata donata. La seconda considerazione riguarda la riscoperta del valore della grande varietà di organismi che vivono, Continua a leggere →

Canto di Lode 

Penetra i ritmi del tempo e s’incarna nel cuore il Verbo Eterno:      si trasfigura      in grido dello Spirito      per il canto di lode.

XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – 26 Giugno 2022

Dal Vangelo secondo Luca Lc 9,51-62 Siamo a una svolta fondamentale. La «ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme» di Gesù rileva la sua consapevolezza che si avvicina il tempo della passione, morte e resurrezione e la determinazione ad affrontarle da protagonista e non con vittimismo. Questa decisione manifesta anche l’intenzione di vivere gli eventi in piena sintonia con la volontà del Padre, per la loro efficacia e il loro valore salvifico. Inizia qui la sezione del viaggio verso Gerusalemme: dieci capitoli in cui Luca racconta non tanto spostamenti spazio temporali, quanto piuttosto Gesù che rivela se stesso, le Continua a leggere →

SS. PIETRO E PAOLO – 29 Giugno 2022

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 21,15-19 Dopo i tre rinnegamenti, Gesù chiede per tre volte amore e per tre volte affida la missione di pastore. Solo “l’amore copre una moltitudine di peccati” (1 Pt 4,8) e solo chi è stato perdonato può essere responsabile di altri (“E tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli”, Lc 22,32).  La prima domanda può essere tradotta anche con “Mi ami tu più di queste cose”. Allora il significato è: mi ami più della barca, delle reti, della pesca. Ma anche: mi ami più delle tue lacrime, della tua amarezza e della delusione di Continua a leggere →

PERDONARE LE OFFESE – Prima Parte

Abbiamo bisogno di perdono Signore, perdonare le offese significa superare l’odio e la vendetta, addirittura trattare con bontà chi ci ha offeso… ma noi non ne siamo ancora capaci. Signore, tu ci comandi di benedire coloro che ci perseguitano, ma noi preferiamo spargere parole cattive e rendere male per male. In qualunque situazione si possa trovare, un cristiano deve opporre alla radicalità del male la radicalità del bene. Come siamo amati da Dio, così dobbiamo amare i nostri nemici. La quinta opera di misericordia spirituale c’invita a perdonare le offese ricevute, realtà impossibile in una società in cui il perdono, Continua a leggere →

PERDONARE LE OFFESE – Seconda Parte

“Se voi infatti perdonerete agli altri le loro colpe, il Padre vostro che è nei cieli perdonerà anche a voi…” Il perdono presume una grande forza d’animo proveniente da una fede cristiana viva, ma anche da una profonda umiltà. Perdono da “iper-dono”: grande dono, sì, perché esso ti sradica da una sofferenza interiore per il male commesso e ti ridona serenità e nuovo slancio per riprendere il cammino nel bene. Se il perdono del Signore desiderato, richiesto e ricevuto nel Sacramento ci rende sereni, anche noi dobbiamo essere capaci di offrirlo a chi ci ha offeso. Costa confidenza, pazienza, cercare Continua a leggere →

IL CAMMINO DELL’UOMO

L’enciclica Laudato Sì si rivolge, principalmente, all’uomo di fede, al credente, invitandolo a seguire alcune linee di spiritualità ecologica che nascono dalle convinzioni della fede, perché quello che il Vangelo ci insegna si ripercuote sul nostro modo di pensare, di sentire e di vivere.  Adottare uno stile di vita sostenibile, curare l’educazione alla responsabilità ambientale, promuovere una adesione ai valori spirituali della natura ed una cultura ecologica della cura queste sono alcune note da realizzare per salvaguardare l’ambiente. Una ecologia integrale ci deve aiutare a creare una relazione armonica con il creato sul modello di San Francesco d’Assisi.