VIA CRUCIS

1ª  STAZIONE Gesù  condannato a morte. Come ogni essere umano, anche Gesù deve morire, ma il peccato dell’uomo lo vuole uccidere:  è la morte dell’innocente.

2ª STAZIONE Gesù è caricato della croce. Il Signore porta su di sé il dolore del mondo, ci precede, porta anche la nostra sofferenza: ci chiede di seguirlo.

3ª STAZIONE Gesù cade per la prima volta. Il peso della croce lo fa cadere: è il segno del suo abbassamento per alzarci: cade perché noi possiamo stare in piedi.

4ª STAZIONE Gesù incontra sua Madre. I discepoli sono fuggiti, ma non Maria. Lei non abbandona il Figlio. È il nostro modello: irriducibile nella sua fedeltà.

5ª  STAZIONE Simone di Cirene porta la croce di Gesù. Coinvolto nel destino del Signore, il cireneo è un sollievo per Gesù: è una grazia camminare con Cristo.

6ª STAZIONE  La Veronica asciuga il volto di Gesù. Una donna scopre il volto sofferente di Cristo, il volto di Dio e la sua salvezza: nel dolore la speranza.

7ª  STAZIONE Gesù cade per la seconda volta. Cade per essere vicino alla polvere in cui giace l’uomo senza Dio. Ci raggiunge nel profondo del nostro peccato.

8ª STAZIONE Gesù incontra le donne di Gerusalemme. Egli rimprovera una pietà sentimentale, fatta solo di parole, che si commuove, ma non cambia stile di vita.

9ª  STAZIONE Gesù cade per la terza volta. Non basta una volta, nemmeno due, per dirci che Gesù cade ai piedi del nostro peccato, soffre per le nostre cadute.

10ª STAZIONE Gesù è spogliato delle vesti. Come l’uomo caduto nel peccato, che ha perso la sua dignità di figlio di Dio, scende tutti i gradini della perdizione.

11ª STAZIONE Gesù è inchiodato in croce. Il suo corpo è martoriato dalla croce: nei momenti di dolore o di sconforto guardiamo a Lui che conosce il soffrire.

12ª STAZIONE Gesù muore in croce. Questo è l’unico trono che il Signore accetta per sé: da qui, apparentemente vinto, regna sulla morte, attira il mondo a sé.

13ª STAZIONE Gesù è deposto dalla croce. Dopo lo strazio, la quiete: Gesù è consegnato alle cure di chi lo ama e osa rimanere anche quando tutto sembra perso.

14ª STAZIONE Gesù è collocato nel sepolcro. Tutto sembra finito. Ma il Signore  si è paragonato ad un chicco di grano: sepolto, muore per fiorire a nuova vita.

ELIDE SIVIERO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *